Sanremo 2019: il festival del cambiamento

Era un bel po’ che non aprivo questo blog, uno dei tanti posti dove chiunque può dire la sua, che non si sa bene se poi sia effettivamente interessante oppure no. Epperò mi è riscoccata la scintilla. Vedremo quanto dura.

Voglio parlare anche io di Sanremo. Che finalmente è finito, sì, e se ne parlerà ancora per due settimane buone.

Sinteticamente questi sono i fatti: ha vinto un italiano col nome egiziano, e tutti a saltargli addosso perché “è straniero ha la pelle scura e si chiama Mahmood”;  il concorrente rosicone che sperava di arrivare più in alto adesso contesta il sistema di voto (che in altre epoche gli ha fatto comodo così com’era e com’è tutt’ora); politici strumentalizzanti in ogni dove. Di tutto ciò si parla molto.

Quello di cui si parla molto poco è invece questo: ha vinto il simbolo del cambiamento, non quello a 5 stelle ma quello della società italiana; ha vinto una canzone che parla di un rapporto pessimo con un padre altrettanto pessimo. Altri due pezzi hanno raccontato di pessimi rapporti, uno in particolare con un altro padre pessimo. Finalmente abbiamo avuto una rappresentazione femminile televisiva che non fosse esclusivamente estetica.

Un giovane uomo proveniente da una cultura metà straniera e cresciuto in Italia, parla del proprio rapporto col padre, che a un certo punto se ne è andato, pensando a se stesso piuttosto che alla sua famiglia. Come tanti figli di immigrati interni o esterni al nostro paese e come altrettanti figli di genitori separati che ha vissuto l’assenza di questa persona e di questa figura genitoriale. E lo racconta. Poi c’è il pezzo di Irama, e anche lui racconta una brutta storia. Un padre padrone che violenta la figlia. Irama non parla in prima persona, ma la storia viene raccontata a tutti in eurovisione. Finalmente.

E poi c’è  Virginia Raffaele . La donna televisiva non è più una decorazione ma -cito Lorella Zanardo  che riassume bene il mio pensiero- : è «Autorevole, una vera show-woman, che tratta Baglioni e Bisio come suoi pari». Ne parla qui: Zanardo su Virginia Raffaele

Una società fondata sulla famiglia come quella italiana, che a sua volta ha basato la propria economia sulle aziende a conduzione familiare, va perdendosi nei meandri del livore pseudo-razzista, nella guerra tra poveri,  che sperano ancora grazie al reddito di cittadinanza ma che in fondo al tunnel del futuro non vedono nessuna luce. Una società sempre più individualista e divaricata tra super-ricchi e poverissimi che però vorrebbero essere quanto meno ricchi. E hanno imparato col berlusconismo e con il capitalismo senza regole che bisogna farsi guerra l’un l’altro facendolo con più malcostume possibile. Chi è fortunato può approfittare delle conoscenze, scostumate anche loro, e servirsene. Gli altri fanno le scale perché l’ascensore sociale è fermo. E rosicano. Una società in cui l’occupazione femminile è al 48%, dove il welfare è pressoché lasciato alla famiglia (leggi donne che accudiscono giovanissimi e vecchi) e dove il 90% degli stupri non è denunciato e avviene in famiglia, una società dove viene uccisa una donna ogni tre giorni, e più indipendente è più rischia, perché l’uomo non ha ancora metabolizzato che la donna è una persona e può decidere per conto proprio. Ma neanche i giovani, bamboccioni, neet, depressi e disoccupati se la passano bene. Perché è comunque colpa loro che non han voglia di farsi schiavizzare peggio dei loro nonni.

Eppure è cambiata. Quel che si è visto e contestato a Sanremo  sono testimonianze del cambiamento in atto nel nostro paese, nella nostra società ancorata al passato da modi di fare e di concepirsi che non rispecchiano più chi la vive. Portati avanti per abitudine o forse per paura del cambiamento, o entrambe le cose, ma sicuramente non per aver provato alternative.

Un mio amico, mancato quest’anno e comunista della prima ora, spesso mi diceva ” ah, si dovrebbe tornare ognuno ai propri ruoli, la donna è fatta per procreare, così non si capisce più niente e tutti sono frustrati”. E non c’è dubbio che la frustrazione sia ovunque. Considerando alcuni punti fondamentali come il rifiuto della donna al ritorno alla sudditanza economica, il PIL che beneficerebbe della maggiore occupazione femminile, il ridicolo congedo di paternità e la precarietà generale lavorativa che producono livelli di denatalità preoccupanti, vorrei dire al mio amico che forse, quel modo di gestire le cose non funziona più, ne beneficia solo una parte della società e alla lunga anche quella parte che ne beneficia non si sente troppo bene.

In natura, la capacità di adattamento ha premiato le specie  che sono state in grado di sopravvivere nel migliore dei modi ai cambiamenti. Nel nostro paese  questa capacità sembra sopita, tolti gli archetipi sono andati tutti in crisi, senza pensare che potessero minimamente cambiare ed evolvere, mentre la sola cosa che si possa fare oggi è proprio cambiare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...