Archivi tag: daniele silvestri

Campagna anti-violenza NoiNo.org e la donna scompare

campagna noino_org

In questi giorni è comparsa a Bologna, la mia città una serie di manifesti prodotti da “NoiNo.org Uomini Contro la Violenza sulle Donne”. E proprio non mi piace.

Le foto sono 4 con testimonial del mondo dello spettacolo che indossano la maglia dell’associazione ed a fianco una didascalia che spiega alcuni comportamenti violenti perpetrati e perpetrabili sulle donne.
Ma non è questo che mi fa storcere il naso, quel che trovo stridente è la loro posizione corporea. Sguardo truce quasi minaccioso, braccia conserte che notoriamente simboleggiano chiusura oppure braccia addirittura poste dietro la schiena, a mo di ammanettato/impossibilitato ad agire (è il caso della foto che ritrae Prandelli).

Ora sono certa che i propositi di questa campagna partano da ottime intenzioni, tuttavia per chi non conosce i personaggi e vede i manifesti per la prima volta può interpretare questi, a me è successo nonostante conosca a grandi linee i protagonisti della campagna, come una ulteriore presa di posizione violenta per la serie “se la tocchi ti faccio a pezzi” a mo’ di fratello maggiore,che poi genera altra violenza; oppure di incapacità a “trattenersi” con cui molti uomini violenti giustificano le loro azioni.

Inoltre vi è una grave mancanza: quella della figura della donna. Nei cartelloni della campagna non appare mai il volto, la silhouette o l’immagine femminile. Nel nostro paese quando si parla di violenza sulle donne vengono utilizzati perlopiù tre immagini: donna malmenata/vittima, donna provocante (che se l’è andata a cercare), donna in odore di santità casta e pura, e novità delle novità donna “a scomparsa”, se ne parla ma non c’è come se non le riguardasse questo tema di cui è invece co-protagonista.

Ora io mi chiedo se chi ha pensato e prodotto questa campagna si sia posto queste domande e mi domando come mai nel 2013 si continui a parlare di violenza sulle donne esclusivamente in maniera dicotomica: come se fosse un problema di esclusiva vittima donna, o di esclusivo carnefice uomo. La violenza sulle donne riguarda entrambi i sessi e va risolta assieme, dunque nelle foto mi aspetto di trovare non solo uomini incazzati per chi “fa la bua” alla femmina da proteggere ma trovarci donne e uomini assieme, pronti a uscire dalla dinamica da Codice Rocco e ad assumersi le proprie responsabilità.

Essere non-violenti è una cosa che si può imparare, talvolta insieme.

F.R.

Annunci